PROFUGHI SPACCIATORI RIBECCATI A SPACCIARE, TORNANO IN HOTEL

Condividi!

Altri due giovani profughi ospiti di un hotel per fancazzisti del veronese sono stati arrestati dai carabinieri ieri pomeriggio sui bastioni con l’accusa di detenzione e spaccio di droga. I due fancazzisti spacciatori, originari del Gambia, sono stati trovati in possesso di cocaina, hashish e marijuana oltre a 200 euro in contanti, provento dello spaccio. Così scrive il giornale locale.

I due erano già stati arrestati a gennaio. Ma subito li avevano rimessi in hotel: mica puoi negare Asilo a degli spacciatori. E anche stavolta, entrambi hanno patteggiato 8 mesi e sono stati rimessi in libertà.

In tarda mattinata uno dei due è stato poi portato in carcere a Montorio con l’ordine di custodia cautelare emesso per non aver rispettato il divieto di visitare Verona che gli era stato inflitto dopo l’arresto precedente. L’altro è stato rimesso in hotel, dove gozzoviglierà a spese nostre con gli altri colleghi di spaccio.

Uno dei fenomeni più demenziali è ‘il divieto di dimora’. Questo può avere un senso in caso di italiani, ma non certo di immigrati, tanto più finti profughi.




Lascia un commento