Saviano difende profugo stupratore: “Odio razziale”

Condividi!

“Un ‘bravo migrante’ africano di 25 anni, ospite (a spese nostre) di un centro di accoglienza per presunti profughi vicino a Napoli, ha sequestrato e VIOLENTATO una operatrice della struttura che lo accoglie. È stato arrestato, ma non basta. Castrazione chimica e poi espulsione: questa deve essere la cura”. Così il leader della Lega Matteo Salvini commenta su Facebook.

Il post del leader della Lega finisce nel mirino di Roberto Saviano. “Secondo l’ISTAT (dati difusi nel 2015) sono 652mila le donne che hanno subito stupri e 746mila le vittime di tentati stupri. Che facciamo Matteo Salvini, castriamo un totale di 1 milione 398mila stupratori? E gli italiani, che sono tra questi, dopo averli castrati dove li mandiamo? Qual è in questo caso la cura? La prigione per lei, Matteo Salvini, è sufficiente? E i processi li facciamo o pratichiamo direttamente la castrazione chimica? Dobbiamo tornare alla legge del taglione, eh, Matteo Salvini? È questo che prevedere la campagna di odio razziale che porta avanti da sempre insieme al suo partito?”, domanda lo scrittore su Facebook.

“Lo sa, Matteo Salvini che le donne maggiormente esposte a violenza fisica e stupri, nel nostro Paese, sono le donne straniere? E lo sa che sono in larghissima parte vittime di violentatori italiani?“, prosegue Saviano. “Ma come osa seminare odio in un momento storico tanto difficile? Oggi più che mai mantenere tranquillità e sedare l’odio razziale è un dovere. Lei è un irresponsabile e io la disprezzo“, conclude.

Il botta e risposta è completato dalla controreplica di Salvini: “Il buonista Saviano non vuole la castrazione chimica per gli stupratori. Per quanto mi riguarda, chi violenta una donna o un bambino, italiano o straniero che sia, non deve più poterlo fare per il resto dei suoi giorni. P.s. Il disprezzo del signor Saviano per me è una medaglia”

Forse lo vuole sindaco. Saviano è un personaggio che ha difficoltà a rapportarsi con la realtà che lo circonda. Ed è noto per diffondere false informazioni, come quando spacciò per vero un finto rapporto del Congresso Usa. Per il quale non si è mai scusato. Forse non è un termine presente su Wikipedia.

Detto che i tuoi stupratori te li devi tenere, mentre gli altri li puoi espellere, i dati ISTAT che cita Saviano sono talmente grossolani che non meritano nemmeno una risposta, tranne citare quelli reali. Nei quali dimostreremo che Saviano racconta, ancora una volta, balle:

Andamento: 15 violenze sessuali al giorno. Ben 7 vittime su 10 sono donne italiane. Sono 22.864 gli episodi di violenza sessuale consumati complessivamente in Italia nel quinquennio che va dal 2010 al 2014, in media circa 15 casi al giorno con vittime principalmente le donne di nazionalità italiana nel 68% dei casi, seguite dalle romene con il 9,3%, dalle marocchine con il 2,7% e dalle albanesi con lo 0,5%.

Quindi le vittime sono, nella maggioranza dei casi, le donne italiane.

Denunce ed arresti hanno interessato gli italiani nel 61% dei casi, seguiti da romeni (8,6%), marocchini (6%), albanesi (1,9%) e tunisini (1,3%).

In sostanza significa che il 94% della popolazione di allora, gli italiani, commette il 60% degli stupri, mentre il 6% ne commette il 40%. Ovvero, gli immigrati stuprano oltre 10 volte più degli italiani. E i più ‘appassionati’ praticanti di questo ‘sport’ sono Romeni (numero drogato dai Rom) e i Marocchini.




Lascia un commento