RIGOPIANO: “Sentiamo segnali e rumori, forse altri vivi”



Condividi!

Si lavora senza sosta nella ricerca dei dispersi all’hotel “Rigopiano” di Farindola, spazzato via da una slavina mercoledì. Il bilancio attuale è di 11 sopravvissuti (9 salvati e i primi due scampati) e di cinque vittime estratte dalle macerie, 23 dispersi. Il Capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio precisa: “Ci sono due vivi ancora da estrarre. Le operazioni sono ancora molto complicate, in condizioni estreme”. I Vigili del Fuoco riferiscono di avere “altri segnali da sotto la neve e le macerie, stiamo verificando. Potrebbero essere persone vive, ma anche le strutture dell’albergo che si muovono sotto il peso della neve”.

I soccorritori continuano a lavorare per tentare di individuare gli altri che ancora mancano all’appello. Tra questi ci sono i genitori di Samuel, uno dei 4 bambini salvati ieri, che si trova in ospedale: la mamma e il papà, che ieri sembrava fossero stati salvati, sono invece ancora nella lista dei dispersi.

Il bilancio della valanga che ha colpito l’hotel Rigopiano è per ora di nove persone salvate, 5 vittime recuperate e 23 dispersi. Lo comunica la prefettura di Pescara.
I dispersi sono persone risultanti sulla lista ufficiale degli ospiti della struttura e da altre segnalazioni ricevute; si tratta comunque, precisa la prefettura, di una lista la cui composizione è soggetta a continue verifiche.



Lascia un commento