INFLUENZA KILLER: LA LIBICA POTREBBE FARE OLTRE 10 MILA MORTI IN ITALIA

Condividi!

Influenza killer. È quello che temono i medici. Come annuncia in una nota la federazione italiana medici di medicina generale, preoccupa il fatto che possano esserci “più morti rispetto alle passate stagioni, per complicanze nella popolazione a rischio.

Superando, quindi, gli 8 mila decessi (che si registrano in media nella stagione in cui c’è il picco della malattia, ndr). L’invito è dunque a vaccinarsi”. La federazione ha, infatti, chiesto al ministero della Salute di prolungare la campagna vaccinale, ormai conclusa.

Il virus in questione è denominato H3N2, alias “virus Bolzano” perché isolato nel capoluogo altoatesino. Il vaccino disponibile, la cui campagna è stata appena chiusa però, è valido e combatte il virus tanto temuto dai sanitari soprattutto fra le persone a rischio, principalmente gli anziani.

“Ci sono molte dosi di vaccino ancora disponibili” ha dichiarato ad Adnkronos Salute, Tommasa Maio, responsabile dell’area vaccini della Federazione italiana medici di medicina generale, aggiungendo: “Il mancato utilizzo degli stessi li porterebbe al macero ed è un controsenso”.
Intanto ci sono già i primi morti e, come riporta la nota della federazione: “L’83 per cento dei casi gravi e il 100 per cento dei decessi segnalati presentano almeno una patologia cronica preesistente”.

Il motivo, però, non lo dicono, di questa ‘influenza killer’, che con ironica ipocrisia hanno denominato ‘Bolzano’ perché isolato a Bolzano.

Il nuovo virus si è sviluppato in un bambino nato in Marocco e proveniente dalla Libia” aveva dichiarato settimane faTommasa Maio, la responsabile dei piani vaccinali. I sintomi per i quali potreste essere stati colpiti dal virus sono: tosse, mal di gola, mal di testa, febbre alta e dolore alle articolazioni e di media potreste aver bisogno di starvene nel letto per circa sei giorni. Le persone più a rischio per eventuali complicazioni (es: polmonite), sono gli anziani poichè hanno le difese immunitarie molto più basse rispetto alle persone di giovane età.

Anche di questo dobbiamo ringraziare i nostri eroici marinaretti. Parlano sempre di vaccini, e per carità, è giusto, ma non sarebbe più semplice evitare di importare i virus? Così per dire.




Lascia un commento