“Ci sono altre priorità…”. Così hanno risposto ai prigionieri dell’hotel Rigopiano

Condividi!

“Siamo tutti all’oscuro, non sappiamo niente di niente”. Il padre di una ragazza dispersa nella tragedia dell’hotel Rigopiano racconta il dramma della valanga che si è portata via decine di innocenti.

rigopiano2

L’ultima volta che l’ha sentita risale a “ieri, alle quattro”. “Un solo un messaggio – spiega – perché i telefoni non funzionavano”. “Loro, da ieri mattina, chiedevano di essere sbloccati, ma hanno risposto che c’erano altre priorità… – aggiunge – e hanno abbandonato a pulire su”. La figlia è la responsabile del centro benessere dell’hotel. Nella struttura, spiega il padre, “erano una ventina, venticinque, più otto-nove dipendenti”.

Avevano chiesto di essere liberati perché dopo il terremoto si sentivano prigionieri “perché lassù è stato forte e giustamente hanno chiesto aiuto, hanno chiesto di scendere. Ma c’erano tre metri di neve, come scendevano?”.




Lascia un commento