PROFUGO AFGHANO DECAPITA DONNA CHE LO OSPITA, POI TENTA DI ‘ACCETTARE’ AGENTI – VIDEO CHOC

Condividi!

La vicenda mette in evidenza la situazione di degrado in cui è precipitato il nostro continente. Un profugo afghano, Jamshid Piruz, decapita ad Almere, nei Paesi Bassi, una donna che gli aveva affittato casa. Nel 2007 viene condannato ad appena 12 anni di carcere per questo brutale omicidio: e dopo appena 6 esce. Nel dicembre scorso decide di andare in GB, dove ha parenti: perché con Schengen non ci sono controlli, il mondo ideale per serial killer e terroristi. E puttane finanziarie.

Il 4 gennaio assale lo staff di EasyJet di un aeroporto londinese perché l’aereo non lo ha aspettato. Il 7 gennaio (VIDEO SOTTO), dopo la ‘condanna’ ad una mera multa, l’afghano tenta di ‘accettare’ – non in termini cosmici – due agenti di polizia che lo avevano ‘disturbato’ durante una rapina. Per fortuna non ci riesce.

Negli Usa lo avrebbero crivellato di colpi, nella ‘civile’ Inghilterra lo punzecchiano con un taser.




Lascia un commento