Dramma depressione: mamma avvelena i suoi due figli

Condividi!

La mente umana è un mistero insondabile. Nuovo dramma della depressione. Una 41enne di Gela, Giuseppina Savatta, ha ucciso i suoi due figli di 10 e 7 anni, avvelenandoli con della candeggina, poi ha tentato di suicidarsi scavalcando il balcone del suo appartamento, al secondo piano di un edificio del centro storico della città. Un vicino è però riuscito a intervenire, salvandola. A scoprire il duplice omicidio sono stati alcuni parenti della donna che soffriva da tempo di depressione.

Anche la donna, prima di minacciare di buttarsi dal balcone, avrebbe bevuto la candeggina. Il marito, Vincenzo Trainito, 48 anni, è ingegnere e insegna in un istituto scolastico privato.

Se fossimo avvoltoi come i giornalisti progressisti, scriveremmo ‘mammicidio’, e inizieremmo una stupida filippica contro le donne che uccidono i figli. Sarebbe stupido, come le trasmissioni marchetta sul ‘femminicidio’.




Lascia un commento