TUNISINO VOLEVA COLPIRE IN ITALIA: GRAZIE A SCHENGEN HA PASSATO 3 CONFINI

Condividi!

Anis Amri era “una scheggia impazzita, pericolosissima. Non escludo che avrebbe continuato a fare attentati”. Lo ha detto il questore di Milano, Antonio De Iesu, dopo che l’attentatore di Berlino è stato ucciso a Sesto San Giovanni in un conflitto a fuoco con la polizia.

3b97a24e00000578-4061096-image-a-55_1482488626060

“Amri è arrivato dalla Francia in treno, è transitato da Torino, poi è giunto a Milano all’una di notte. E al momento del controllo, a Sesto, era solo”, ha spiegato.




Lascia un commento