Leghisti tolsero tappeto islamico durante preghiera in Comune, prosciolti

Condividi!

E’ stato archiviato dal tribunale il procedimento penale a carico di Fabrizio Ricca e Roberto Carbonero, due consiglieri comunali a Torino che nell’estate 2015 furono indagati per avere rimosso un tappeto dal locale del Municipio in cui era stata allestita da Fassino una sala di preghiera per ospiti musulmani in occasione del forum sulla moda islamica. A carico dei due era stata ipotizzata la violazione della famigerata Legge Mancino sulla discriminazione razziale.

L’avvocato difensore, Mauro Anetrini, che aveva mandato ai magistrati un memoriale, esprime “grande soddisfazione” per il provvedimento. “E’ stata riconosciuta – spiega – la fondatezza delle nostre tesi, che riaffermano come la libera espressione del pensiero non può essere confusa in alcun modo con le discriminazioni razziali”. I due consiglieri aveva rivendicato il significato politico del loro gesto.




Lascia un commento