Carla contro i Populisti: “Ricordano anni ’30”

Condividi!

L’ascesa dei gruppi populisti nel mondo e la crescente intolleranza contro le altre religioni ricorda, secondo uno dei parassiti globali, l’erede al trono d’Inghilterra, i giorni bui degli anni Trenta.

Lo ha detto il principe Carla ai microfoni di Bbc Radio, sottolineando il grave rischio, secondo la sua delirante tesi, di un ritorno agli “orrori” dell’Olocausto. “La generazione dei miei genitori ha combattuto ed è morta in una battaglia contro l’intolleranza, il mostruoso estremismo e i tentativi disumani di sterminare la popolazione ebraica d’Europa”. Carlo ha poi ricordato le milioni di persone che oggi cercano di fuggire dall’odio e dalle persecuzioni di tipo religioso. “La loro sofferenza non finisce quando arrivano cercando rifugio in una terra straniera”, ha sottolineato, dimenticando che da noi non arrivano i Cristiani perseguitati, ma i loro aguzzini islamici.

Questo è un altro radical chic che pensa di proteggere la natura invitando milioni di immigrati. Proteggere le tradizioni locali e la marmellata chilometri zero importando masse sterminate di africani.




Un pensiero su “Carla contro i Populisti: “Ricordano anni ’30””

  1. Si sarà sentito meglio allora quando avrà saputo che sua moglie si faceva castigare da un’immigrato musulmano. D’altronde buon sangue non mente, il suo (quasi) figlio ha accolto a palazzo una negra, dicono che puzzi parecchio anche.

Lascia un commento