Salvini sfida Renzi: “Scegli la legge elettorale che ti pare e votiamo”

Condividi!

“A Renzi dico: scegli tu la legge elettorale che vuoi e andiamo a votare il prima possibile. Se lui vuole il Mattarellum a me va benissimo”. Così il leader della Lega Matteo Salvini dopo che il segretario Pd, parlando all’assemblea del partito a Roma, ha proposto di ripartire dal Mattarellum.

Meloni: “Ok Mattarellum se si vota subito” – “Renzi dice che ci vuole un articolo per riproporre il Mattarellum. Allora ci vogliono anche due settimane per approvarlo. Ci va bene se significa che torniamo a votare immediatamente”. E’ quanto dichiara il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Speranza: “Bene Mattarellum, depositata proposta” – Il Mattarellum? “C’è una proposta di legge elettorale a mia prima firma depositata alla Camera, siamo contenti se diventa la proposta di tutto il Pd”. Così Roberto Speranza, che guida l’area di minoranza Pd Sinistra riformista e che si è candidato alla segreteria, a margine dell’assemblea nazionale del Pd. La minoranza Dem ha presentato una proposta di Mattarellum modificato, ribattezzata “Mattarellum 2.0”.

Franceschini: “No al proporzionale puro” – “Credo che la proposta del Mattarellum come legge elettorale debba essere condivisa dal partito, penso che non sarà facile convincere gli altri ma se non li convincessimo non dovremmo rassegnarci al proporzionale puro”, commenta il ministro Dario Franceschini.

Delrio: “Bene ripartire dal Mattarellum” – “O il Pd è in grado di proporre un forte radicamento territoriale o saremo sconfitti dalla storia. Bene che ripartiamo dal Mattarellum perché avevo paura che fossimo tutti diventati proporzionalisti. La paura del proporzionale ci porta a esecutivi che non decidono mai”, afferma il ministro Graziano Delrio in assemblea Pd.

Lupi: “No al Mattarellum, sì al proporzionale” – Secco no al Mattarellum arriva da Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare. “Per noi il Mattarellum non va bene, in un contesto tripolare con il rischio di ulteriori frammentazioni darebbe luogo a un Parlamento in cui la volontà popolare espressa con il voto risulterebbe scarsamente rappresentata a esclusivo vantaggio della governabilità. Riteniamo più corretto un sistema proporzionale a turno unico con un premio di maggioranza alla coalizione vincente, così da equilibrare l’esigenza di governabilità con quella di rappresentanza. Se questo non fosse possibile, meglio un proporzionale puro”.

Polverini: “Renzi propone mano di poker sul sistema di voto” – “Renzi propone un’altra mano di poker anche sul sistema elettorale. Vuole vedere se c’è qualcuno intenzionato a ritornare al ’93, a una legge elettorale che proiettata a oggi non terrebbe conto che il referendum ha confermato il bicameralismo e non il bipolarismo inseguito un quarto di secolo fa”. Così la deputata di Forza Italia Renata Polverini.

Gasparri: “Mattarellum? Non siamo d’accordo” – “La legge elettorale va fatta con un accordo. Il Mattarellum non ci vede d’accordo. Niente riciclaggi con paracadutati nei collegi sicuri. Strada impossibile. Pensiamo ad altro. Stop”, dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

Cicchitto: “Grandi perplessità sul Mattarellum” – Anche Fabrizio Cicchitto, di Ncd, esprime grande perplessità sul Mattarellum. “E’ un sistema elettorale fisiologico di fronte al bipolarismo ma che non funziona affatto perché può dare risultati imprevedibile anche rispetto ai rapporti di forza elettorali reali con il tripolarismo. Ncd per parte sua ha avanzato una diversa proposta riguardante due modifiche di fondo all’Italicum: l’eliminazione del bipolarismo e un ragionevole premio di maggioranza per le coalizioni: insomma una combinazione fra forme ragionevoli di maggioritario e di proporzionalismo”.




Lascia un commento