Bomba molotov recapitata a sindaco che dà case a immigrati: «Salterai tu e i profughi»

Condividi!

Un bottiglia incendiaria è stata ritrovata nei giardinetti di via 5 Giugno a Turriaco. Ad accompagnarla una lettera di minacce al sindaco pro-invasione Enrico Bullian per la decisione di dare accoglienza a 12 fancazzisti a fricani a spese della cittadinanza in due dei quattro alloggi dell’ex caserma dei carabinieri, che si trova proprio a ridosso di una porzione dell’area verde.

Il contenuto della missiva ritrovata assieme all’ordigno è simile a quello della lettera che Bullian ha ricevuto una decina di giorni fa in municipio. «Salterai tu e gli immigrati» il senso delle minacce rivolte al primo cittadino pro-africanizzazione.

turriaco

Dopo la prima lettera, Bullian aveva sporto denuncia ai carabinieri, avvisando anche la prefettura di Gorizia con cui è stato condiviso nel corso di quest’anno il percorso per risistemare due dei quattro alloggi dell’ex caserma per dare accoglienza ai richiedenti asilo invece che a senzacasa locali.

Assieme alla prefettura e alle forze dell’ordine il sindaco aveva deciso di non rendere pubbliche le minacce per «non ingigantirle e, soprattutto, non dare credito e importanza all’autore del gesto». Errore.

I fanatici dell’invasione stanno scherzando con il fuoco, la popolazione è ormai oltre ogni sopportazione.




Lascia un commento