BLITZ FORZA NUOVA DAVANTI HOTEL DEI PROFUGHI STUPRATORI

Condividi!

Blitz di Forza Nuova davanti all’hotel degli stupratori La Quiete, una struttura di Viserba (Rimini Nord), che ospita una cinquantina di profughi tra i quali un noto stupratore.

I militanti si sono presentati ieri sera esibendo uno striscione con la scritta “Giù le mani dalle nostre donne”. L’atto dimostrativo, hanno spiegato, è stato organizzato alla luce della denuncia per violenza sessuale sporta da una 29enne riminese nei confronti di un nigeriano richiedente asilo ospite dell’albergo.

La violenza sessuale è accaduta nel pomeriggio di giovedì 1 dicembre. La donna stava percorrendo un sottopasso ferroviario e qui, ha raccontato, è stata avvicinata da un profugo di colore (nero) che ha cercato di bloccarla e l’ha molestata tentando una violenza. Quando si è presentata in caserma per sporgere denuncia, nelle foto segnaletiche ha riconosciuto nell’aggressore il nigeriano ospite dell’hotel, con precedenti.

“I responsabili di quanto sta avvenendo a Rimini sono in primo luogo tutti coloro, politici, associazioni di presunto volontariato, cooperative, che da anni hanno fatto dell’invasione migratoria un lucroso affare” – spiega Mirco Ottaviani, responsabile regionale per Forza Nuova – “Ma ciò che più preoccupa è che sindaco ed autorità locali assistono immobili e subiscono in silenzio il degrado della nostra città senza prendere provvedimenti.”

“Ogni giorno centinaia di immigrati clandestini si riversano nelle strade di Rimini svolgendo le loro proficue attività che variano dallo spaccio di droga allo sfruttamento della prostituzione, dal commercio abusivo alla contraffazione, fino al controllo del racket dei parcheggiatori abusivi e dei lavavetri” – racconta Ottaviani – “Alla sera poi le strade diventano ancor più insicure e si registrano quotidianamente casi di molestie sessuali, furti e violenze ai nostri connazionali, oltre ai numerosi scontri etnici tra immigrati per disputarsi il controllo del territorio: è il caos!”

“Forza Nuova ritiene già da tempo doverosa un’immediata inversione di rotta che metta al muro questa classe politica di traditori e corrotti, che dopo aver guadagnato sulla pelle degli immigrati, abbandona il popolo italiano alla povertà, al degrado e all’insicurezza” – per poi proseguire – “Chiediamo misure straordinarie per proteggere le nostre donne, che hanno il diritto inviolabile di poter camminare sicure nella nostra città, anche attraverso la militarizzazione, se necessaria, dei quartieri più pericolosi e di tutte le stazioni ferroviarie dove per lo più i crimini hanno luogo.”

Forza Nuova ha già annunciato anche un presidio per sabato alle 16 nel piazzale della stazione ferroviaria di Rimini.




Lascia un commento