Aveva una casetta piccolina a Montecarlo: retata di Finiani, scandalo Slot

Condividi!

Il principale imprenditore internazionale delle slot machine e re dei casinò ai Caraibi sono stati arrestati nell’ambito di un’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma. Tra gli arrestati c’è anche l’ex parlamentare del Pdl (finiano), Amedeo Laboccetta. L’associazione per delinquere transnazionale riciclava in tutto il mondo i proventi del mancato pagamento delle imposte sul gioco on-line e sulle video-lottery. In manette anche l’imprenditore Francesco Corallo. Indagati anche Sergio e Giancarlo Tulliani, suocero e cognato dell’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini.

Gli arresti, avvenuti anche all’estero, sono stati eseguiti dallo Scico della Guardia di Finanza in contemporanea a perquisizioni in numerosi stati (Antille Olandesi, Regno Unito, Canada e Francia) e sequestri di numerosi beni e conti correnti per centinaia di milioni di euro. L’inchiesta della magistratura romana riguarda un’associazione per delinquere transnazionale che riciclava in tutto il mondo i proventi del mancato pagamento delle imposte sul gioco on-line e sulle video-lottery.

Ricorderete Tulliani per il famoso appartamento che attraverso una circonvenzione di incapace Fini si ‘regalò’.




Lascia un commento