CATANIA: SBARCANO 677 CLANDESTINI, ANCHE IL NUOVO FIGLIO DI MSF

Condividi!

Sono attesi per le 7.30 al porto di Catania i 677 clandestini africani a bordo della nave Aquarius dell’organizzazione di scafisti Sos Mediterranee, che opera il business della sostituzione etnica insieme a Msf, quelli senza frontiere ma con il portafoglio bello gonfio.

VIDEO - CLICCA
VIDEO – CLICCA

E insieme ai 676 giovani maschi africani raccattati in Libia durante quattro diverse operazione in meno di 24 ore, ci sarà anche Favour Emeka Laska, questo il nome completo del figlio di una nigeriana. ‘Lavorano’ in Libia e poi il frutto del lavoro lo portano in Italia.

Ecco come i media di distrazione di massa raccontano la solita bufala strappalacrime:

Prossima al parto, ha affrontato la traversata da sola: il marito, secondo quanto ha raccontato ai soccorritori, è morto in Nigeria. Una volta tratta in salvo è stata subito affidata alle cure dello staff medico di Msf a bordo della Aquarius. Il travaglio è iniziato alle 4 del mattino e alle 13.50 Favour è venuto al mondo su una nave al centro del Mediterraneo, circondato dalle cure dei team di Sos Mediterranee e Msf. Si tratta del terzo bambino nato a bordo della Aquarius dallo scorso febbraio, prima di lui, a bordo della nave, sono nati, infatti, Destiné Alex (a maggio) e Newman Otas (a settembre).

Si, ok, il marito è morto in Nigeria e lei è partita incinta. Oppure è la solita ‘nigeriana’ e il bambino è il figlio del lavoro svolto in Libia e che ora verrà a svolgere in Italia come almeno l’80 per cento delle Nigeriane traghettate sulle nostre coste da scafisti di Stato e privati.

Intanto mamme e bimbi italiani muoiono di parto per i taglia alla sanità.




Lascia un commento