Zhang Yao: a Roma l’integrazione finisce sotto un treno

Condividi!

“Diteci la verità di come è morta mia figlia”. È l’appello del padre di Zhang Yao, la studentessa cinese morta dopo essere stata travolta da un treno mente rincorreva – così dice la versione ufficiale – i tre malviventi (quasi certamente africani) che l’avevano rapinata.

“Non è possibile vivere nel terrore in pieno giorno – dice -. Ancora non riesco a credere che sia successo alla mia unica figlia. Vi prego, aiutateci a capire”. L’uomo partecipa al sit-in a Tor Sapienza, dove si è radunata la comunità cinese.

“Non è possibile che sia successa una cosa del genere a due passi dalla Questura”, dice il papà di Zhang Yao: la ragazza era appena uscita dall’ufficio immigrazione in via Patini, dove aveva rinnovato il permesso di soggiorno per motivi di studio. “Grazie a tutti per aver voluto ricordare mia figlia. Durante il viaggio ho pensato tanto. Sapevo che era sparita e pensavo ad un rapimento per riscatto, mai mi sarei immaginato di andarla a riconoscere in obitorio”.

Non è un caso isolato, né in Italia né nel resto d’Europa, quello degli immigrati cinesi presi di mira da immigrati africani: Prato e Parigi sono casi recenti di rivolte e scontri tra le due ‘razze’. Ampliando l’osservazione è quello che è avvenuto e avviene da decenni agli immigrati coreani e cinesi nelle periferie americane per mano dei Neri. E’ quindi un fatto razziale. Uno scontro razziale a bassa intensità.

L’immigrazione cinese è differente da quella africana. Sono due danni differenti. Mentre gli africani – che hanno una altissima propensione ai reati violenti – parassitano la società delinquendo, i cinesi tendono a segregarsi anche a livello di reati: quando un cinese rapina o uccide qualcuno, quasi sempre la vittima è anch’essa cinese. Il danno – gravissimo – che fanno alla società ospitante è, soprattutto, a livello di tessuto economico e sociale attraverso la concorrenza sleale e la cinesizzazione di interi quartieri e settori produttivi.

Negli ultimi mesi ci sono stati diverse manifestazioni di cinesi in Europa contro la criminalità africana della quale sono vittime. Non è strano, è la società multietnica: i cinesi parassitano il sistema economico europeo, gli africani rapinano i cinesi perché hanno i soldi.

La società multietnica è un incubo.




Lascia un commento