CasaPound vince battaglia giudiziaria contro delocalizzatori



Condividi!

Vittoria giudiziaria per il movimento CasaPound, chiamato sul banco degli imputati per rispondere di diffamazione nei confronti dell’azienda Thun: tutti gli imputati assolti.

La vicenda risale al 2013, quando Maurizio Puglisi Ghizzi, Andrea Bonazza, Mirko Gasperi e Patrick Stecher organizzarono un volantinaggio in piazza Walther, a Bolzano, durante il mercatino di natale, denunciando la delocalizzazione della nota azienda altoatesina in Asia: sul volantino un tipico angioletto prodotto da Thun decapitato.

La multinazionale sporse immediata querela arrivando a chiedere un risarcimento monstre per danni d’immagine di mezzo milione di euro.

Stamani l’ultimo capitolo della vicenda in tribunale che ha visto tutti gli attivisti di CasaPound uscire perfettamente puliti e assolti. Un po’ meno pulita la Thun.



Lascia un commento