SFRATTATA VIVE IN CAMPER ACCANTO HOTEL PROFUGHI CARITAS

Condividi!

Albenga – Giusy Russo, cinquantenne albenganese da un anno vive in condizioni di estrema precarietà denunciano i membri del Gruppo Antipolitico Savonese.

albenga2

“Dopo aver ricevuto lo sfratto – denuncia il gruppo – Giusy ha dormito praticamente per strada per più di un anno. E parliamo di una persona che ha superato abbondantemente i 50 anni. Di recente, don Filippo Bardini le ha donato una roulotte, che è stata posizionata in una porzione di terreno di proprietà comunale in regione Rapalline. Ora Giusy ha un tetto sopra la testa, ma continua a vivere in uno stato di grave indigenza”.

Una situazione che di recente si è aggravata: “Gli ultimi giorni di piogge torrenziali hanno provocato delle infiltrazioni d’acqua che hanno creato, all’interno della roulotte, una condizione di vita totalmente malsana. Giusy non ha né corrente elettrica né riscaldamento, quindi non può nemmeno lavarsi. E non dispone neanche di servizi igienici adeguati”.

albenga1

Ma c’è altro: “A poche metri dalla roulotte – prosegue il portavoce del Gruppo Antipolitico Savonese – c’è una struttura della Caritas in cui in cui alloggiano profughi serviti e curati”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Possibile che non sia possibile dare un futuro dignitoso a Giusy? Possibile che non sia possibile trovare anche per lei un letto all’interno di questa immensa struttura? Stiamo facendo morire di fame e di senti i nostri concittadini mentre a pochi passi stiamo ridando dignità a cittadini del mondo. Tutto questo è giustissimo, ma è doveroso garantire lo stesso trattamento ai cittadini italiani. Aspettiamo risposte concrete da chi di dovere, prima di intraprendere forme di protesta più incisive con le istituzioni locali”.




Lascia un commento