CARITAS: “PROFUGO STUPRATORE E’ NOSTRO, MALATO PSICHICO”

Condividi!

Sul caso del profugo africano che ha tentato di stuprare una ragazzina in un parco di Trieste, arrivano le dichiarazioni del Consorzio Italiano di $olidarietà – Ufficio Rifugiati Onlus (Ics), che con la Carita$ diocesana gestisce il business dei richiedenti asilo in città: «In riferimento alla notizia relative all’arresto di un richiedente asilo accusato di tentata violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale, si precisa, fermi restando tutti gli accertamenti del caso, su cui la magistratura farà chiarezza, è opportuno tenere presente che il richiedente asilo, di cui Ics aveva segnalato l’irreperibilità da alcuni giorni, soffre di disturbi psichici e per questo motivo segue un particolare percorso di cura».

Profughi: tra loro numero spropositato di schizofrenici e folli psicotici, studio

«Simili vicende restano certamente gravi, ma proprio per questo motivo è necessario che l’informazione sia data nella sua completezza, al fine di non incrementare il clima di intolleranza verso i richiedenti asilo nel loro complesso».

In che modo questa ‘precisazione’ dovrebbe evitare di “incrementare il clima di intolleranza”? Ci stanno circondando di individui mentalmente disadattati – e non sono casi, sono la maggioranza – e questo dovrebbe rassicurare? Come il fatto che questi stessi individui possano rendersi irreperibile quando vogliono?

Il percorso di cura lo vadano a fare in Africa o in Asia.




Lascia un commento