SPACCIATORE NON PUO’ ESSERE ESPULSO PERCHE’ HA UN FIGLIO

Condividi!

PIACENZA – I carabinieri della stazione Levante hanno arrestato un albanese di 34 anni per detenzione di droga ai fini di spaccio.

Lo spacciatore formalmente risiede ad Imperia ma di fatto abita nella zona di via Dante ed è finito in manette e sarà processato per direttissima il 26 novembre. Addosso aveva in tutto 240 euro in contanti.

Veniamo all’acquirente che doveva poi spacciarla al dettaglio. Abita a Carpaneto ed è irregolare sul territorio: doveva lasciare l’Italia entro il 21 ottobre ma dopo alcuni accertamenti si è scoperto che era diventato padre da due giorni, la sua compagna romena con la quale convive in Valchero aveva appena partorito. Per questo non può essere espulso dal nostro Paese. E’ stato denunciato per aver cercato di fuggire e per non aver collaborato con i militari: ha detto che aveva consegnato 150 euro al connazionale perché li portasse al padre in Albania.

Nell’Italia di Renzi, se uno spacciatore albanese e una prostituta romena fanno un figlio, lo spacciatore non può essere espulso.




Lascia un commento