OPERAZIONE TERRORE: “SE VINCE NO, EURO IMPLODE”, MAGARI…

Condividi!

I terroristi mediatici ci riprovano. Doveva essere l’apocalisse con Brexit, e il Regno Unito è più in forma che mai; doveva essere il tracollo delle borse con Trump, e Wall Street è ai massimi. Ora sono passati al referendum costituzionale italiano.

Wolfgang Münchau, condirettore del Financial Times, il principale quotidiano economico britannico che non ne acchiappa una da mesi, annuncia un apocalisse, ovviamente “dal loro punto di vista”:

L’apocalisse europea secondo il Financial Times. Apocalittico è dunque lo scenario tratteggiato da Münchau, condirettore del Financial Times ed esperto di Unione Europea, se il No dovesse avere la meglio: populismi che trionfano in tutta Europa, guidati dall’affermazione di Donald Trump alla presidenza degli Usa e dalla Brexit, e l’euro che si sfalda, con l’Italia in prima fila tra le nazioni che abbandoneranno la moneta unica.

Europa disintegrata e Italia fuori dall’euro. Per Münchau il “5 dicembre l’Europa potrebbe svegliarsi con l’immediata minaccia della disintegrazione”. E le cause sarebbero da ritrovare anche nei problemi strutturali dell’economia italiana: “Da quando l’Italia nel 1999 è entrata nell’euro la sua produttività totale è stata di circa il 5%, mentre Germania e Francia hanno superato il 10%”. Sarebbe inoltre fallimentare il tentativo di costruire un’unione economica e bancaria efficiente dopo la crisi dell’eurozona del 2010-2012 basata solo sull’austerity, scelta attribuibile secondo il FT al cancelliere tedesco Angela Merkel. “La combinazione di questi due fattori sono la più grande causa dell’esponenziale crescita del populismo in Europa” che per Münchau ha in Italia tre partiti d’opposizione tutti a favore, seppur in modo diverso, dell’uscita dall’euro: i Cinque Stelle, Forza Italia e Lega.

Tentano di terrorizzare gli elettori perché non si allontanino dallo status quo e decidano di rimanere in gabbia. Ma posto che il referendum italiano possa scatenare la dissoluzione della Zona Euro – magari! – c’è vita fuori dall’Euro. Il dramma per l’economia italiana e di riflesso sulla società nasce, proprio, con l’ingresso nella moneta unica: è dal 1999 che la nostra ‘crescita’ è anemica. E’ dal 1999 che portiamo l’acqua con le orecchie alla Germania. Unico paese UE a godere dell’Euro.

Quella in atto è la solita ‘operazione terrore’ portata avanti dai media di distrazione di massa per impedire ai popoli di scegliere quello che è meglio per loro e non, quello che è meglio per i loro padroni. Che poi è l’unico interesse che guida i cosiddetti ‘giornali’.




Lascia un commento