RENZI CONTRO UE: “DATECI PIU’ SOLDI PER PRENDERE IMMIGRATI IN LIBIA”

Condividi!

L’Italia ha posto il veto alla proposta di compromesso fatta dalla presidenza slovacca per la revisione del bilancio pluriennale della Ue e che il governo non considera accettabile perché mancano garanzie per l’aumento di risorse “a favore delle nostre priorità”: immigrazione, sicurezza, disoccupazione giovanile o programmi per la ricerca. Lo ha annunciato il sottosegretario Sandro Gozi a margine del Consiglio Affari Generali a Bruxelles.

“Abbiamo confermato la nostra riserva sull’ adozione del riesame del bilancio multiannuale, che senza l’accordo dell’Italia non può essere adottato perché richiede l’unanimità”.

Bruxelles, aggiunge Renzi, voleva “lasciare i siciliani a farsi carico dell’immigrazione, di salvare migliaia di vite, di farsi carico delle soluzioni e della complessità della vicenda. E poi riempiono di soldi i Paesi europei che non accettano non soltanto un accordo che loro hanno firmato, ma con i nostri soldi alzano i muri”.

Ma pensa. Lui vuole che i soldi vengano impiegati nell’andare in Libia a raccattare clandestini africani con i quali foraggiare i suoi compagni di partito infilati nelle COOP (PD e COOP sono la stessa cosa con altro nome) invece di utilizzarli per innalzare il muro che in Ungheria ha bloccato l’invasione da Est.

Credevamo fosse impossibile farci simpatizzare con la UE su qualcosa, Renzi è riuscito anche in questo.
E’ vero che l’Italia versa molto più di quello che riceve, lo abbiamo sempre scritto, e a Renzi è sempre andato bene, ma ora vuole utilizzare quei soldi per portare avanti la sostituzione etnica in corso.

Renzi e Merkel sono ormai gli ultimi mohicani dell’immigrazione. Spazziamo via il 4 dicembre.




Lascia un commento