ESTREMISTI ISLAMICI E COMUNISTI SFILANO INSIEME: “PIU’ MOSCHEE E PERMESSO PER TUTTI” – VIDEO

Condividi!

Al grido di “vogliamo il permesso di soggiorno” un migliaio di migranti hanno sfilato a Roma in un corteo che ha visto anche la partecipazione di frange del fancazzismo nostrano.

A guidare la protesta degli invasori un bengalese, tal Banchu, già promotore della manifestazione al Colosseo contro la chiusura delle moschee abusive: il che evidenzia l’infiltrazione dell’estremismo islamico in queste ‘proteste’.

“Gli immigrati che sono in questa piazza non sono contenti di venire in questo Paese. Sono costretti perché voi avete portato le bombe e le guerre nei nostri Paesi. Basta sfruttamento”, ha detto ai presenti prima che partisse il corteo che da piazza San Giovanni è terminato davanti alla sede del Viminale.

E’ noto che l’Italia con i suoi bombardieri ha recentemente attaccato il Bangladesh, per questo estremisti islamici come questo Banchu sono venuti qui. Il fatto è che li facciamo anche parlare, nonostante non abbiano: né le capacità intellettuali, né il diritto.

Banchu a ilgiornale.it ha spiegato di essere: “In questa piazza contro il lavoro nero e per il permesso di soggiorno, soprattutto per i lavoratori sfruttati dell’agricoltura” e ha aggiunto che: “Il governo per combattere davvero il lavoro nero dovrebbe rilasciare il permesso di soggiorno a tutti”.

Certo. Combattiamo il lavoro nero legalizzandolo. Un po’ come combattere l’omicidio depenalizzandolo. Nessuno ha imposto a questi individui di venire in Italia ad essere ‘sfruttati’, in questo modo espellendo giovani italiani (spesso studenti stagionali) dal mercato del lavoro nell’agricoltura, che serviva ad arrotondare.

Ma dietro i pupazzi migranti, c’è sempre qualche estremista italiano, in questo caso Carlo Gaetani, attivista di un’organizzazione che si dice comunista: “Quello che succede nei mari è un assassinio premeditato. In realtà i governi occidentali hanno bisogno come il Paese dei migranti. Hanno bisogno, però, di lavoratori che siano ricattabili e sfruttabili. È per questo – dice – che nei mari vige il terrore, portato dalle motovedette e dalle flotte occidentali che non sono nel Mediterraneo per aiutare gli immigrati, ma per controllare e assassinare gli immigrati”.

Un personaggio confuso, che dovrebbe leggere Marx. Oltre, naturalmente, farsi visitare.




Lascia un commento