FIRENZE: ARRIVANO I POPULISTI, SALVINI IN PIAZZA

Condividi!

Populisti nel cuore di Firenze, la città di cui è stato sindaco Matteo Renzi. La città che ha votato contro la tranvia, e il PD l’ha fatta lo stesso.

In piazza Santa Croce, per la manifestazione organizzata dalla Lega tantissimi militanti e cittadini. Molte le bandiere della Lega e quelle di Fratelli d’Italia. I leghisti hanno improvvisato un corteo dal lungarno alla piazza. Tanti gli striscioni: in prima fila davanti al palco ‘Renzi = Pinocchio nei paesi dei balocchi’ e ‘Ape = la pensione con il cappio al collo’. Tanti i cartelli e gli striscioni con la scritta ‘Salvini premier’. In piazza Santa Croce anche il presidente della Lombardia Roberto Maroni.

“Se chiedono ci sono, non è più tempo di rimandare, tentennamenti, dubbi, paure. Coraggio, idee e squadra non ci mancano. Non abbiamo paura, oggi comincia una lunga marcia”, ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini,

“La lezione di Trump e del libero voto degli americani – ha aggiunto Salvini – è che si può vincere contro tutto e contro tutti, banchieri, lobbisti, giornalisti, cantanti”. Oggi da Firenze “lanciamo un messaggio di futuro e di speranza agli italiani, alternativo a Renzi, alle sue pessime riforme. Noi cominciamo la nostra marcia”, ha detto il segretario della Lega, parlando con i giornalisti prima dell’inizio della manifestazione.

“Io ieri ho girato in lungo e in largo le terre del terremoto, lì non stanno dibattendo sul sì o sul no al referendum. Lì hanno il problema che gli arrivano dei container coi bagni, coi water fuori e a dicembre fa freddo – ha aggiunto Salvini – Quindi, non vedo l’ora che gli italiani boccino questa pessima riforma e poi noi dobbiamo proporre un’alternativa che non guardi al passato. Leggo delle interviste, in base alle quali Berlusconi non esclude collaborazioni con Renzi o con altri se vince il NO. Ecco, noi invece vogliamo che gli italiani votino il prima possibile”.




Lascia un commento