Coca Cola finita, profughi indignati gettano cibo per strada – FOTO

Condividi!

Fanno le bizze come i bambini annoiati e gettano per la strada la spesa se nelle sporte non ci sono le bevande che vogliono loro o se il riso non è nella confezione che si aspettavano. Le due coppie di nigeriani e la donna in stato di gravidanza che convive con loro nella casa di via Po, hanno oltrepassato il limite, l’altro giorno. E i vicini di casa, quasi tutti anziani e con una pensione da fame, questa volta non hanno proprio retto l’affronto. La spesa che gli operatori avevano fatto per i migranti, provvedendo ai bisogni alimentari in base a una lista concordata con la dietista, è finita sparpagliata sulla strada, dopo un gesto di stizza.

Ed è stato proprio questo “spettacolo” a far salire ai massimi livelli l’indignazione dei vicini. Tanto che sono stati allertati i responsabili dell’accoglienza dei rifugiati richiedenti asilo e sono stati interpellati gli operatori che si occupano di inserimento. Sono questi che hanno spiegato ai residenti di provvedere, in tutto e per tutto, ai bisogni primari degli ospiti che hanno ciò di cui abbisognano. L’intervento più difficile che qualche volta non sortisce l’effetto sperato, è piuttosto quello sull’aspetto “educativo” di giovani nigeriani, per natura e cultura poco inclini a iniziative semplici come quelle di tagliare l’erba e rassettare i cortili della casa assegnata, o di usare lo stendino, di cui sono stati dotati, anziché stendere tutti i panni, come fanno abitualmente in via Po a mo’ di retaggio africano, sulle reti di recinzione.

VERIFICA LA NOTIZIA

Stessa cosa con il cibo, hanno detto gli educatori: se si intestardiscono di volere l’aranciata o la coca cola al posto dell’acqua minerale o se non vogliono il riso normale perché si impuntano su un’altra qualità, inscenano delle eclatanti azioni di protesta, come quella di gettare gli alimenti sulla strada.




Lascia un commento