TRIESTE: 30 MASCHI PAKISTANI A CONTATTO CON BAMBINE ITALIANE

Condividi!

Immigrati in struttura accanto a scuola elementare, Polidori (Ln): «Irresponsabile metterli a 10 metri da bambine e bambini»

Paolo Polidori, capogruppo della Lega in Consiglio comunale a Trieste, porta all’attenzione una «cosa inaudita, inaccettabile, imprudente e da irresponsabili pensare solo per un momento che possano essere insediati, ancorché in via “provvisoria”, una trentina di clandestini a dieci metri da una scuola elementare!».

Questo a Muggia, in via di Zaule nell’ex Asilo delle Suore Canossiane, a pochissima distanza dalla Scuola primaria Ada Loreti. Continua ancora Polidori: «Purtroppo questa situazione aberrante stavolta capita in casa nostra! Ad Aquilinia, accanto alla scuola elementare dove decine di giovani maschi, afghani e pakistani, vivranno e bivaccheranno tra qualche giorno a stretto contatto con i nostri figli (proprio lì ho una bimba che frequenta la prima); conosco quindi perfettamente la zona, e posso assicurare che le possibilità di contatto sono altissime! Chi si prenderà la responsabilità di lasciare una sola rete divisoria tra due terreni di vaste dimensioni, dove la possibilità di scavalcare è estremamente facile? Chi può garantire l’incolumità dei nostri figli mentre giocano in giardino?»

«Inutile giocare di ipocrisia, si sa che ormai sono all’ordine del giorno casi di molestie, risse, spaccio di droga, persino racket malavitosi che ormai stanno prendendo letteralmente possesso di interi quartieri di Trieste! Ed il prefetto si permette il lusso di trasferire anche alla Loreti questi potenziali pericoli?! Tutto ciò con l’assoluta colpevole sudditanza del sindaco di Muggia Marzi, che invece di difendere i propri cittadini, acconsente supinamente “l’accoglienza” di persone che hanno una cultura del rispetto e del senso civico completamente diversa dalla nostra?»

«Fortunatamente i genitori e i cittadini stanno correndo ai ripari, con una raccolta firme per fermare questa ennesima prevaricazione che viene calata dall’alto ai danni della sicurezza di tutti! La Lega, con il centrodestra, ha già presentato in merito un’interrogazione urgente e la richiesta di convocazione del consiglio comunale di Muggia. Per quanto mi riguarda, mi batterò fino all’ultimo, muovendo da ora tutte quelle associazioni ed i cittadini che già hanno impedito con successo che alla caserma di via Cumano fosse posto in essere un simile insediamento. Per mia figlia, per i bambini della Loreti, per la tutela degli abitanti di Aquilinia, impediremo in tutti i modi questa idiozia!»

Se fossimo razzisti avviseremmo che i pakistani sono una delle etnie più presenti nelle statistiche degli stupri. Metterli accanto ad una elementare è una scelta geniale.




Lascia un commento