ASSANGE SILENZIATO DA CLINTON: “CONTINUARE LA LOTTA”

Condividi!

Assange, fondatore di WikiLeaks, impegnato in una lotta per la verità che gli sta costando anni di prigionia in un’ambasciata di Londra e ora il blackout mediatico dopo la diffusione dei loschi affari dei Clinton, lancia un appello:

cuz8rwfwcaa5t-o

Wikileaks ha lanciato una forte accusa contro l’Ecuador che avrebbe ceduto alle pressioni americane. Sarebbe stata proprio l’ambasciata a Londra a tagliare il collegamento internet a Julian Assange.

L’organizzazione lo afferma su Twitter dopo che ieri aveva puntato il dito contro un “soggetto statale”. Wikileaks lascia intendere che ci possa essere stato un coinvolgimento di Washington, poiché il taglio dell’accesso al web è avvenuto sabato scorso, poco dopo che il sito aveva pubblicato i discorsi per Goldman Sachs della candidata democratica alla Casa Bianca, Hillary Clinton.




Lascia un commento