MILANO: CLANDESTINI ACCAMPATI DAVANTI PORTA ASILO, VIGILI RIFIUTANO DI SGOMBERARLI

Condividi!

Milano in balia degli immigrati clandestini: hanno anche cercato di intrufolarsi all’interno di una scuola materna. La più esclusiva della città: l’asilo di Porta Venezia all’interno dei giardini Montanelli. Ma ormai non ci sono più zone ‘esclusive’, è tutto terreno di caccia dei finti profughi scaricati da Renzi ogni giorno.

E allora si possono notare piccoli branchi di eritrei bazzicare all’interno del parco e accamparsi a ridosso dei cancelli della scuola, tentando di entrare nelle aule.

E i genitori dei bimbi la mattina si sono trovati di fronte ai migranti, che nemmeno si erano presi la briga di allontanarsi prima dell’inizio delle lezioni, accampati davanti ai cancelli: «I clandestini si sono presi pure un asilo – denuncia il rappresentante di Fratelli d’Italia, Riccardo De Corato – Hanno forzato la porta di notte e sono entrati per dormire, usare i bagni e prendere asciugamani e coperte. Secondo le testimonianze delle mamme, hanno occupato le classi e messo tutto sottosopra, né si sono spostati all’apertura. Ovviamente i genitori hanno dovuto riportarsi i figli a casa, con tutti i disagi che possiamo immaginarci, soprattutto per le mamme lavoratrici».

Alcune famiglie hanno chiamato la polizia locale, che però non ha ritenuto di dover intervenire! Né ha avuto seguito la richiesta, avanzata da un papà, di disinfestare i locali prima di riprendere le lezioni.

«Sala in campagna elettorale aveva promesso la fine dei bivacchi di migranti – fa notare De Corato – ma non solo non ha mantenuto la parola, addirittura gli accampamenti di Porta Venezia si sono trasferiti in un asilo».




Lascia un commento