Profughi schifano cibo abruzzese: “Ora basta, chiamiamo Carabinieri”

Condividi!

LANCIANO – L’episodio avvenuto nella struttura di Villa Elena dove la famigerata cooperativa Matrix ospita una settantina di cosiddetti profughi.

Durante la cena viene servito un piatto tipico abruzzese, il pane cotto con verdura e uova, la sala degli ospiti rumoreggia e qualcuno chiama anche i carabinieri.

VERIFICA LA NOTIZIA

I profughi esigono il cambio del piatto, alla fine viene loro servito un bel piatto di riso. La lussuosa struttura ospitava matrimoni e cerimonie, ora è invece adibita a centro d’accoglienza ed è gestita dalla cooperativa Matrix il cui direttore Simone Caner ha dichiarato di non aver avuto mai particolari problemi. E non potrebbe dire altrimenti.

Gli ospiti dell’hotel sono tutti provenienti dal centro Africa e dall’India. Tutti in fuga dalla guerra in Siria.




Lascia un commento