Governo finanzia con soldi tasse penetrazione anale a teatro

Condividi!

Spettacolo teatrale con penetrazione anale, ministro Franceschini tirato in causa

Così lo spettacolo teatrale con penetrazione anale diventa un caso politico. “Ho ritenuto doveroso presentare un’interrogazione al Ministro Franceschini per sapere se intende agire in qualche modo affinchè i fondi pubblici non siano utilizzati per proporre spettacoli di dubbia etica e non rispettosi del sentimento comune. Troviamo infatti inaccettabile che soldi degli italiani vengano usati per portare in scena uno spettacolo teatrale che più che arte è sembrato essere vera e propria pornografia”.

Parole del deputato umbro di Forza Italia Pietro Laffranco. “Mi riferisco a quanto avvenuto lo scorso 24 settembre presso il teatro Secci di Terni, nell’ambito dell’edizione 2016 del Terni Festival, nel corso dello spettacolo Schonheitsabend. Non mi dilungo nel descrivere la scena che ha oltrepassato di gran lunga i limiti della decenza, ma ritengo che sia fondamentale intervenire per evitare che una situazione del genere si ripeta. Il festival di Terni – conclude Laffranco – che è gestito dalla Fondazione Teatro Stabile dell’Umbria, con il contributo e il patrocinio del Ministero oltre che della Regione Umbria e del Comune di Terni, di fatto vive solo con fondi pubblici”.




Un pensiero su “Governo finanzia con soldi tasse penetrazione anale a teatro”

Lascia un commento