Reggio: bordello multietnico accanto sede polizia municipale

Condividi!

E’ quanto denunciano in un comunicato i militanti di Forza Nuova della città. Che chiamano in causa il sindaco Luca Vecchi perché risponda alla cittadinanza, e si chiedono come possa accadere, per di più a distanza così ridotta da un luogo delle istituzioni come la sede della Polizia Municipale, gettando così nel ridicolo l’intera città ed lo stesso Corpo di Polizia anche agli occhi Media e Tv nazionali.

“Arriva anche da “Le Iene” la denuncia pubblica di quanto sembra succedere nel palazzo attiguo alla sede della Polizia Municipale di Reggio Emilia, in via Brigata Reggio, dove nell’ambito di un circolo privato (almeno all’apparenza) si consumerebbero rapporti a pagamento.

Qualora un fatto del genere dovesse risultare vero, sarebbe vergognoso ed inaccettabile che proprio dei rappresentanti delle Istituzioni, per primi, neghino l’esistenza di un giro di prostituzione rendendosi in qualche modo conniventi ad un fenomeno illegale di tale portata. Ma dal momento che sono i residenti stessi a denunciare da oltre 10 anni la presenza di “traffici” sospetti e ripetuti, nonostante le continue chiusure di ogni circolo privato che ogni volta veniva rimesso in piedi, come sezione di Forza Nuova chiediamo e pretendiamo che siano le Autorità cittadine a non esimersi dal proprio ruolo eseguendo tutte le verifiche del caso.”




Lascia un commento