Barcellona: statua Cristoforo Colombo sostituita da indigeno

Condividi!

Il gruppo comunale della UPC-Capgirem (progressista), che fa parte della giunta del sindaco Podemos, proporrà nella prossima sessione plenaria del Comune di Barcellona di rimuovere la statua di Cristoforo Colombo che domina dalla colonna tra le Ramblas e il porto.

La statua, secondo loro, andrebbe sostituita da un lavoro allegorico sulla resistenza delle popolazioni indigene.

Che la Spagna abbia depredato le popolazioni indigene non vi è dubbio, del resto non esiste convivenza tra popolazioni diverse sullo stesso territorio – solo la divisione permette la sopravvivenza delle differenze -, ma è un altro passo verso l’odio di sé che sta soffocando l’Occidente.

Dal nostro punto di vista, ogni popolo ha diritto al proprio territorio. E lo sterminio delle popolazioni indigene delle Americhe è un danno storico. Ma non dobbiamo mitizzare le popolazioni pre-colombiane, che invece erano brutali. Gli Spagnoli hanno conquistato l’impero atzeco con poche decine di soldati per un motivo semplice, oltre alle malattie che sono però venute dopo: questi erano feroci sfruttatori, sacrificano agli dei i membri dei popoli sottomessi, che così si sono schierati con i conquistadores. Non cattivi e buoni, ma semplicemente nemici. E uno ha vinto.

Comunque, Colombo sta meglio a Genova.




Lascia un commento