AI TERREMOTATI 200€ SE LASCIANO TENDE: AI PROFUGHI 1.200€ PER STARE IN HOTEL

Condividi!

Roberto Calderoli, senatore della Lega e vicepresidente del Senato, snocciola i costi dell’invasione. Quelli economici: “Lo scorso anno lo Stato ha stanziato 3,3 miliardi per l’accoglienza e la gestione degli immigrati, anzi dei richiedenti asilo che poi sappiamo essere, in oltre l’80% dei casi (94% Ndr), degli irregolari, dei clandestini che non hanno alcuna ragione per stare qui.

Adesso viene fuori che quest’anno già da aprile siamo alla canna del gas, con il Ministero degli Interni che ha finito i quattrini e non paga i canoni mensili alle cooperative e alle strutture che ospitano i circa 160 mila immigrati ospitati.

Questo dimostra che per il nostro Paese questo modello di accoglienza scelto dal nostro Governo ha un costo non sostenibile, anche per le nostre casse pubbliche: questa politica fallimentare del Governo Renzi non solo sta distruggendo il Paese sotto l’aspetto sociale, dell’ordine pubblico e della sicurezza, ma lo sta a distruggendo anche da punto di vista economico.

Fa rabbia vedere un Paese che si indebita per riuscire a mantenere i clandestini, facendo finta che siano profughi, e poi non ha soldi per garantire i servizi essenziali per esempio ai nostri malati o ai nostri disabili oppure deve richiedere indietro gli 80 euro mensili a chi non ha la colpa di non aver raggiunto la quota minima di 8000 euro!

E fa ancora più rabbia vedere uno Stato che passa un’elemosina da 200 euro a persona, con un tetto massimo a famiglia di 600 euro, per quei terremotati che non vogliono vivere in tenda, e poi ne spende più di 1200 al mese per ogni immigrato irregolare. Che vergogna!”




Lascia un commento