Ticino, referendum: vince “Prima i Nostri”

Condividi!

I cittadini del Canton Ticino chiedono che si pongano limiti ai lavoratori frontalieri.
Secondo i risultati definitivi, l’iniziativa referendaria ‘Prima i Nostri’ – promossa dalla destra nazionalista Udc con il sostegno della Lega dei Ticinesi – ha ottenuto il 58% di sì. I no sono stati il 39,7%. Il testo sottoposto agli elettori del cantone svizzero al confine con l’Italia, dove lavorano ogni giorno circa 62mila frontalieri, chiede che sul “mercato del lavoro venga privilegiato, a pari qualifiche professionali, chi vive sul territorio”.

Anche se in questo caso danneggia italiani che vivono in zone confine, è piuttosto normale che un territorio privilegi la propria gente. E questo vale ovunque. I ticinesi, che sono lombardi con il passaporto svizzero lo fanno verso altri lombardi, perché noi non possiamo farlo verso africani e altri immigrati?




Lascia un commento