Si stanno scannando nel Paese di Kyenge: 100 morti

Condividi!

Oltre cento persone sono rimaste uccise nei violenti scontri che continuano da due giorni a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo. Lo ha denunciato l’opposizione del Paese, con un bilancio tre volte superiore a quello fornito dalla polizia. Proprio le forze dell’ordine avevano parlato di 32 persone uccise durante i combattimenti nella capitale lunedì e martedì, annunciando anche la fine all’ondata di violenza e di saccheggi.

L’Africa, e la zona centrale che comprende il Congo soprattutto, è uno dei luoghi dove la convivenza tra etnie diverse ha finora generato più stragi e genocidi. Basti pensare alla quasi scomparsa dei pigmei, mangiati vivi dai figli di kyenge; o alla interminabile guerra razziale tra hutu e tutsi. Ma vengono ad insegnare a noi l’integrazione.




Lascia un commento