RENZI SVENDE L’ALTO ADIGE AI TEDESCHI: PULIZIA ETNICA SEMANTICA

Condividi!

«Venerdì prossimo la Commissione dei Sei tratterà una riforma della toponomastica che prevede la cancellazione del 57% dei nomi italiani. Si tratta di una vera e propria pulizia etnica».
Lo afferma il consigliere provinciale di Alto Adige nel cuore, Alessandro Urzì

La riforma – ha detto – prevede «una parte di nomi bilingui e una parte solo in tedesco, come Hirzer e Schloss Rafenstein, cancellando le denominazioni Punta Cervina e Castel Sarentino».
La terza categoria di toponimi prevede affianco alla denominazione tedesca Schlanderser Alm la dizione “alpe”.

«Il paese si chiamerà anche in futuro Silandro, ma l’alpe solo più Alpe Schlanderser Alm, si tratta di un aborto di nome di finto italiano», ha detto Urzì.

Secondo il consigliere provinciale, «in parlamento ci sarà uno scambio tra governo e Svp: sì alla riforma costituzionale e sì alla cancellazione del 57% dei toponimi italiani in Alto Adige».

Renzi è una sorta di aborto istituzionale. Una calamità innaturale.




Lascia un commento