Romania dice addio all’Euro: “Da folli entrarci”

Condividi!

La Romania ha ufficialmente abbandonato l’obiettivo di entrare nell’Eurozona entro il 2019: “Un ingresso precoce potrebbe danneggiare l’economia del nostro Paese”, ha detto il presidente Iohannis secondo quanto riportato dai media locali. La scadenza del 2019 era stata approvata dal Governo guidato dall’ex primo ministro Victor Ponta e fu ufficialmente annunciata il primo maggio del 2014.

La Romania ha tutti i vantaggi dell’essere parte della UE: libera circolazione per la propria popolazione in eccesso, soprattutto zingari che rifila a noi, e trasferimenti finanziari netti che i contribuenti italiani, inglesi (non più dal 2017), francesi e tedeschi versano come eurotassa; ma nessuno svantaggio: loro non hanno l’Euro.




Lascia un commento