Si inventa falso stupro di profughi per nascondere quelli veri

Condividi!

Aveva pubblicato sul proprio profilo Facebook la bufala di una violenza sessuale che alcuni profughi avevano tentato nel campo sportivo di un paese della Carnia contro alcune ragazze. E avrebbe anche aggiunto che le vittime non sarebbero state credute dai Carabinieri a cui si erano rivolte.

Il motivo? Depistare gli utenti con una notizia falsa in modo da rendere non credibili anche le vere notizie sui veri stupri commessi dai profughi. Non è il primo caso di questo tipo: moneta cattiva scaccia moneta buona.

Il ragazzo di 22 anni della zona è stato denunciato in stato di libertà dai Carabinieri di Villa Santina (Udine) per le ipotesi di reato di oltraggio al corpo giudiziario dell’Arma dei Carabinieri e procurato allarme. Sono state le indagini avviate dai militari dopo la pubblicazione del post a consentire di accertare la totale falsità della notizia e a far finire nei guai il giovane.

Purtroppo non conosciamo il nome del depistatore, ma qualcosa ci dice che potrebbe essere legato a quei siti che si occupano di bufale. Le spargono e poi le smentiscono per fare un favore al governo. Perché gridare al lupo impedisce poi alle vittime di capire quando il lupo arriva davvero.




Lascia un commento