UE: “Vietato espellere immigrati con precedenti penali”

Condividi!

L’Ue vieta agli Stati membri di espellere un migrante che ha commesso reati. Lo ha deciso la famigerata Corte di Giusizia UE, secondo la quale non è possibile cacciare un cittadino extracomunitario sulla base dei suoi precedenti penali. “Una misura di espulsione per poter essere adottata deve essere proporzionata e basata sul comportamento personale del cittadino”. Quindi solo se l’atteggiamento del migrante rappresenta “una minaccia effettiva, attuale e sufficientemente grave per un interesse fondamentale della società dello Stato membro ospitante”. Insomma, i reati già commessi non valgono.

Beati britannici, una volta usciti potranno finalmente fottersene delle sentenze della Corte UE. E di tutto il resto.




Lascia un commento