Arrivano immigrate infette e saltano fila mamme con bimbi

Condividi!

Ieri mattina, mamme e bambini erano attesa da ore nell’ambulatorio di ematologia pediatrica al primo piano del Microcitemico a Cagliari, per le consuete visite, quando in reparto hanno fatto il loro regale ingresso due donne di colore, con rispettiva figliolanza avvolta nelle coperte, accompagnate da un “mediatore culturale”. Loro sono entrate, le mamme italiane hanno continuato a fare la fila. Nella paura.

Sembra che i due piccoli africani manifestassero sintomi evidenti di scabbia o addirittura Tubercolosi: “Noi ci siamo allarmate e abbiamo protestato perché sono passate prima di noi, che tra l’altro eravamo in attesa da diverse ore – racconta una mamma 38enne cagliaritana, con accanto la figlioletta – è stata una situazione improvvisa, chi ci garantisce che potevamo stare tranquilli con le notizie che si sentono in giro? Abbiamo avuto una forte paura e anche adesso – conclude – stiamo vivendo questa vicenda con ansia e forte timore”.

Le donne sono state tranquillizzate dalle autorità. Però, nel reparto in questione, poco dopo sono state immediatamente attivate le procedure di sanificazione dei locali. Ma per ‘eccesso di precauzione’, ovviamente.




Lascia un commento