PROFUGO BRUCIA MOGLIE E SI DA’ FUOCO PER ERRORE: MORTO

Condividi!

Un profugo di 45 anni, residente in un hotel per rifugiati, è morto oggi, giovedì, bruciato vivo: nel tentativo di mettere al rogo la moglie che è rimasta gravemente ferita. E’ accaduto in Germania occidentale.

Il richiedente asilo la cui nazionalità non è stata specificata, già noto alla polizia, ha tentato di dare alle fiamme la donna, causando un incendio in cui è morto e che ha devastato il centro di accoglienza di Rudesheim, che ospita altri finti profughi come lui.sede di quattordici persone nei paesi occidentali. Altri 2 residenti dell’hotel sono rimasti feriti.




Lascia un commento