Juncker: “Frontiere sono peggiore invenzione della Storia”

Condividi!

Il noto bevitore Junker, che è anche presidente UE, ha detto ieri che le “frontiere sono la peggiore invenzione della Storia”.

In realtà sono la prima invenzione della Storia. Ogni civiltà nasce dalla ‘separazione tra noi e loro’. Roma è nata così, e Romolo uccise il fratello che osò varcare il limes. Ma la frontiera, o per meglio dire ‘recinzione’, è addirittura all’origine del Cristianesimo: il Paradiso, che viene dal sanscrito paradesha, il cui significato è “giardino recintato”. Non è aperto a tutti, perché altrimenti subirebbe il logico degrado di ogni luogo ‘aperto’ e senza controllo. Basta guardare alle nostre città.

Ogni spazio aperto è predisposto all’entropia. E l’entropia è ciò che vogliono gli avvinazzati alla Juncker, perché i loro padroni, i Soros, vogliono un mondo senza quel fastidio chiamato frontiere: loro vogliono spostare uomini, denaro e merci liberamente. Sfruttando nazioni, cittadini e ambiente.

I loro galoppini sono i politici UE e i No Borders. Noi siamo i loro nemici.




Lascia un commento