Ospita profugo, lui tenta di violentargli la moglie

Condividi!

Lo avevano accolto in casa, come chiedono i bergoglio e tutti gli etnolesi d’Europa. E lui ha molestato la padrona di casa.

Due coniugi del Luganese nelle scorse settimane hanno segnalato al Ministero un tentato stupro nei confronti della donna da parte di un trentatreenne egiziano: un richiedente l’asilo che la coppia, la scorsa primavera, aveva ospitato assieme alla moglie irachena e ad a un bambino di cinque anni e a una di un anno e mezzo.

Sentito dagli inquirenti, il presunto aggressore ha respinto però l’accusa dicendo che dalle sue parti “usa così”. Nel frattempo si è trasferito in Germania.

Lo racconta così il giornale ticinese:

Essendo sensibili al dramma dei migranti, marito e moglie avevano deciso di raccogliere l’appello delle autorità politiche e religiose mettendo a disposizione un appartamento, piano terra, di centoventi metri quadrati, non distante da casa loro. Avevano fatto tutto il necessario per trasformare quello spazio in un appartamento adatto a una famiglia, ad esempio creando i muri divisori per le camerette dei piccoli. «All’inizio le cose andavano bene – racconta il marito – Venivano aiutati anche da altre famiglie del paese: da chi li accompagnava a fare la spesa a chi portava loro delle lenzuola, mentre la Caritas aveva portato i mobili per la casa. Con i servizi preposti ci siamo occupati di sistemare il bambino a scuola almeno un giorno a settimana. Non è stato facile, aveva un carattere problematico e si è dovuto trovare una persona qualificata per seguirlo, a tempo pieno, alla scuola dell’infanzia».

Resta pure il dubbio se si trattasse di una vera famiglia oppure se la stessa si sia «formata» nel viaggio per raggiungere la Svizzera.

Due mesi dopo il loro arrivo è accaduto l’episodio al centro della denuncia. «Un pomeriggio, dopo che io ero uscito di casa, quell’uomo ha bussato alla nostra porta – racconta il marito – Non era la prima volta, era capitato che chiedesse in prestito alcuni oggetti. Mia moglie, che è gentile per natura, lo ha fatto entrare e ad un certo punto lui l’ha presa, l’ha spinta contro il muro e ha cercato di avere un rapporto con lei. Mia moglie è riuscita a fermarlo in tempo dicendogli che io sarei tornato a breve, e lui se n’è andato».

«Ha detto che aveva semplicemente abbracciato mia moglie per mostrarle la sua riconoscenza e che nella sua cultura era una cosa normale». Dopo la denuncia – spiega sempre il nostro interlocutore – la famiglia è stata spostata in una pensione del Bellinzonese.

«Mia moglie aveva ancora paura, così ha sollecitato chi di dovere, chiedendo e ottenendo che quell’uomo fosse allontanato definitivamente. Ora dovrebbe essere in Germania».




Lascia un commento