BOLOGNA: CITTADINI PAGHERANNO MEZZO MILIONE DI BOLLETTE AGLI ZING@RI

Condividi!

Non pago, il comune di Bologna a breve li ricompenserà concedendo loro le tre nuove microaree, dove potranno continuare a succhiare energia elettrica e acqua a spese dei bolognesi

“Anche non pagando i 480.000 euro di bollette accumulate in cinque anni, i sinti di via Erbosa potranno accedere alle nuove micro-aree introdotte dal Comune di Bologna”.

Lo denuncia il consigliere comunale della Lega Umberto Bosco. Il 22 luglio ha depositato un’interrogazione alla Giunta: “A fronte delle morosità accumulate dagli ospiti dell’area sosta temporanea di Via Erbosa e al fatto che detti ospiti saranno presto trasferiti presso le nuove microaree di Via Selva di Pescarola, Via Shakespear e via del Gomito” chiedeva se fosse intenzione della Giunta “pretendere il pagamento di quanto dovuto dai sinti prima di consegnare le nuove strutture”.

La risposta è arrivata il 16 agosto: “Causa le interminabili ferie dell’Assessore Rizzo Nervo (al welfare – ndr) ha deliberatamente omesso di rispondere ad alcuni dei quesiti posti limitandosi a precisare che la nuova legge regionale non prevede esclusioni all’ingresso in microaree rivolte a Cittadini Sinti con morosità contratte precedentemente” scrive Bosco in una nota che ribadisce come “il vigente regolamento per l’accesso alle aree sosta (art.8, comma 5) prevede, in caso di morosità superiori a 4 mesi, prima l’interruzione dell’allacciamento e successivamente l’allontanamento dei nuclei morosi” e aggiunge “provvedimenti evidentemente mai assunti. Un’amministrazione che si dà delle regole senza poi applicarle non può certo essere presa sul serio; lo hanno capito bene numerosi sinti di Via Erbosa che da anni fruiscono delle utenze senza versare un centesimo. Non pago, il comune di Bologna a breve li ricompenserà concedendo loro le tre nuove microaree le quali, stando alla mancata risposta di Rizzo Nervo, non prevedono alcun deterrente utile a evitare che le morosità continuino ad accumularsi all’infinito con buona pace dei bolognesi in difficoltà ai quale le utenze invece vengono staccate”.

Per il consigliere, impegnato nella chiusura dei campi nomadi, per “i bolognesi che non hanno la fortuna di essere rom o sinti la musica è un’altra: sia per gli alloggi ERP sia per quelli a canone calmierato, l’assegnazione è subordinata al pagamento delle morosità accumulate”.

Per Bosco, la “logica secondo la quale un campo con 21 nuclei familiari (57 persone) collocato nella prima periferia di Bologna rappresenti un fattore stigmatizzante e di isolamento sociale mentre gli stessi nuclei collocati in tre distinti campi ancora più isolati e periferici siano fattore di integrazione sociale. In attesa di altri specchi sui quali arrampicarsi, alla Giunta di Bologna non resta che giocare la carta del giustificazionismo con il quale si difende a spada tratta il parassitismo generato dall’assistenzialismo e dall’impunità indiscriminati, spostando l’indice dai furbetti ad una non ben definita società che emargina”.

Gli zingari hanno un solo posto dove stare: l’India.




Lascia un commento