Presto divieto di Burqa in Germania

Condividi!

La Germania pensa di vietare il burqa come parte di un pacchetto di misure contro il terrorismo islamico che verrà annunciato domani.

Recentemente la Germania è stata teatro di attacchi legati al terrorismo islamico. A luglio un profugo afgano armato di un’ascia ha ferito cinque persone su un treno a Wuerzberg, prima di suicidarsi. Nello stesso mese un richiedente asilo siriano si è fatto esplodere mentre tentava un’irruzione in un festival musicale ad Ansbach. Ha ferito 15 persone. Entrambi gli attacchi sono stati rivendicati dallo Stato islamico (Isis). E poi, ovviamente, c’è il caso dell’immigrato di seconda generazione di Monaco, quello ‘depresso’.

Il burqa, un indumento diffuso tra le donne islamiche che copre l’intero corpo, è al momento vietato in Francia e Belgio. Senza effetti sul terrorismo islamico, a quanto pare: perché non è proibendo agli islamici di coprirsi che risolvi il problema, il problema lo risolvi rimandandoli a casa loro. Tutto il resto è solo palliativo.

Inoltre de Maiziere, ministro degli interni, vorrebbe accelerare le procedure di espulsione per coloro che “minacciano la sicurezza pubblica”, rendere più difficile per le organizzazione estremiste il finanziamento alla costruzione delle moschee, limitare il diritto alla doppia cittadinanza, espellere i predicatori d’odio. Palliativi.




Lascia un commento