Bergoglio: “Bulli sono come terroristi”, è senza rispetto

Condividi!

Non può essere frutto di una persona nel pieno possesso delle sue facoltà mentali. Non può, un Papa, il giorno dopo che un sacerdote è stato sgozzato da due terroristi islamici in una chiesa, paragonare i terroristi ai ‘bulli’. E invece lo ha fatto.

“E’ crudele quando una persona chiacchiera contro qualcun altro. Le chiacchiere sono una forma di terrorismo. La crudeltà della lingua è come buttare una bomba che distrugge tutto”. Lo ha detto Bergoglio rispondendo a una ragazza protagonista della Gmg a Cravovia.

Fermatelo.

Sembra quasi un messaggio subliminale dopo i fatti di Monaco…l’iraniano ‘vittima’ di bullismo che ha fatto la strage al grido Allahu Akbar…




Lascia un commento