Ora gli amici della UE uccidono anche i giornalisti scomodi

Condividi!

“L’omicidio di un cittadino russo e giornalista in Ucraina è motivo di seria preoccupazione al Cremlino”: lo ha dichiarato il portavoce del Putin, Dmitri Peskov, augurandosi che “ci sia un’indagine imparziale e rapida per portare in giudizio coloro che sono dietro questo omicidio”.

A conferma della ‘imparzialità’, l’Fbi prenderà parte alle indagini sull’assassinio del giornalista russo Pavel Sheremet: lo fa sapere il capo della polizia ucraina, Khatia Dekanoidze. “Ho appena incontrato i rappresentanti dell’Fbi in Ucraina – ha detto Dekanoidze – e anche loro saranno coinvolti nelle indagini. Spero molto che domani o dopodomani i nostri colleghi stranieri arriveranno per aiutarci nelle investigazioni”.




Lascia un commento