AFRICANO MUORE DI TUBERCOLOSI: 700 OPERAI A RISCHIO

Condividi!

Clement Abakah, operaio 44enne ghanese, residente a Gualtieri e che lavorava alla Smeg, è deceduto per tubercolosi. La conferma è arrivata alla direzione aziendale dall’Ausl di Reggio Emilia che, a sua volta, ha ricevuto la comunicazione dai medici dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio che l’avevano in cura, nel reparto infettivi, fino al 20 giugno scorso. Giorno in cui è morto.

Ora sono a rischio i 700 operai della Smeg di Guastalla. Il protocollo operativo relativo alla sorveglianza dei contatti in un caso di tubercolosi, trattandosi di ambiente di lavoro, prevede tre categorie: contatti stretti (conviventi con il caso o che hanno condiviso lo stesso spazio per numerose ore al giorno), contatti regolari (condividono regolarmente lo stesso spazio chiuso) e contatti occasionali (quelli che condividono occasionalmente lo stesso spazio chiuso).

E poi ci sono i parenti degli operai. I compagni di classe degli eventuali figli degli operai.




Lascia un commento