Sulmona: Hotel che ospita 50 finti profughi “prende fuoco”

Condividi!

Ignoti hanno colpito la struttura alberghiera che ospita, a spese dei contribuenti, una cinquantina di sedicenti profughi. Nessuno di loro lo è veramente, non c’è nemmeno un siriano: giovani fancazzisti africani.

Sia i cassonetti dell’immondizia che parte del cancello laterale dell’Europa Park Hotel sono stati dati alle fiamme utilizzando carburante per auto. L’episodio è avvenuto attorno all’una di notte, ma l’intervento dei vigili del fuoco ha evitato che l’incendio assumesse proporzioni più ampie e facesse ulteriori danni.

Sia nei pressi dell’area che ospita i cassonetti, sia davanti al rudimentale cancello, sono state ritrovate tracce di liquido infiammabile, e secondo i poliziotti guidati dall’ispettore capo Daniele L’Erario, tutti al lavoro per risalire all’identità degli autori, si tratterebbe di carburante per auto prelevato, molto probabilmente, in qualche distributore della zona.

Motivo che ha spinto l’Anticrimine ad allargare il fronte delle indagini: sotto esame i filmati del circuito di videosorveglianza cittadino e le riprese delle telecamere installate nelle pompe di benzina della città per accertare se in quella serata qualcuno ha prelevato carburante con le taniche. Intanto sono stati rafforzati i controlli perché, a detta del personale della cooperativa che gestisce la struttura alberghiera (ora le COOP sono arrivate a gestire direttamente gli hotel che usano per ospitare i finti profughi) anche nei giorni precedenti al grave gesto intimidatorio sono state notate ‘strane’ presenze nelle immediate vicinanze dell’Europa Park Hotel.

Si vuole, in questo modo, tenere sotto controllo eventuali presenze estranee e scoraggiare i malintenzionati a replicare simili azioni.

I finti profughi sono ospitati nella struttura dalla scorsa primavera, accolti direttamente dal commissario prefettizio. In questi mesi, per il loro mantenimento in hotel, si sono spesi 1.750 euro al giorno. Quasi 200 mila euro dal momento del loro arrivo: alloggio, tre pasti al giorno, paghetta e vari servizi inclusi.




Lascia un commento