FIRME PER RIPETERE REFERENDUM ANTI-BREXIT SONO FALSE

Condividi!

Matematico. La famosa bizzarra ‘petizione’ per ripetere il referendum Brexit finché non vince il NO è risultata essere quello che si immaginava: una bufala.

Le oltre 3 milioni di firme telematiche sono fasulle. Arrivano dai posti più improbabili del globo e, in alcuni casi, superano i cittadini residenti in quei luoghi: 25mila arrivano dalla Corea del Nord, altre migliaia dall’Antartide, quelle provenienti dal Vaticano superano la popolazione dello staterello posticcio (35mila contro 800 residenti) e così via.

Non solo. Anche quelle provenienti dal Regno Unito risultano essere state effettuate non, da essere umani, ma da ‘bot’:

1606261739460103

 

Non che ci fossero reali possibilità di ripetere il referendum a ‘oltranza’ – un’idea ridicola anche per i fanatici della UE – ma ora la Camera dei Comuni ha aperto un’inchiesta per frode:

 

We are investigating allegations of fraudulent use of the petitions site. Signatures found to be fraudulent will be removed.

Il bot (abbreviazione di robot) in terminologia informatica in generale è un programma che accede alla rete attraverso lo stesso tipo di canali utilizzati dagli utenti umani (per esempio che accede alle pagine Web, invia messaggi in una chat, si muove nei videogiochi, e così via). Programmi di questo tipo sono diffusi in relazione a molti diversi servizi in rete, con scopi vari ma in genere legati all’automazione di compiti che sarebbero troppo gravosi o complessi per gli utenti umani. Nei paesi anglosassoni, con “Bot” s’intende un programma autonomo che nei social network fa credere all’utente di comunicare con un’altra persona umana. Questi bot migliorano di anno in anno ed è sempre più difficile distinguere un bot da una persona umana.

Piccola dimostrazione:

musso




Lascia un commento